venerdì 30 maggio 2014

Consigli per vivere in eterno

ALBA

Come vivere a lungo? Serve avere uno scopo
Fissarsi un obiettivo. E perseguirlo. Anche se non lo si raggiungerà mai. Una ricerca svela il segreto della longevità.

Da Londra
La pietra filosofale? Era solo un abbaglio. Alcuni scienziati hanno scoperto il vero elisir di lunga vita, quello che permette di vivere più a lungo: basta avere uno scopo.
Non importa quale sia, nemmeno se lo realizzeremo: l’importante è avere un obiettivo da raggiungere. Tendere la corda della vita per una ragione ben determinata non la logorerà fino a farla spezzare, piuttosto la rafforzerà. Allungandola.

14 ANNI DI RICERCHE. Nella ricerca, pubblicata nella rivista Psychological Science, si spiega che avere uno scopo aiuta a invecchiare in modo più sano nel corso di tutta l’età adulta.
«Le nostre scoperte rivelano che trovare un senso per la propria vita, definendo i propri obiettivi personali e tutto ciò che si vorrebbe ottenere nel corso del tempo, può aiutare a vivere più a lungo», ha spiegato il dottor Patrick Hill, della Carleton University in Canada, a capo della ricerca durata oltre 14 anni. «E non importa se e quando arriverai a raggiungere il tuo scopo».

CAMPIONE DI PERSONE TRA 20 E 75 ANNI. Lavorando insieme a Nicholas Turiano dell’Università di Rochester Medical Center, Hill ha esaminato adulti americani di età tra i 20 e 75 anni, con diversi background di salute e benessere sociale.
Per misurare il livello di risolutezza dei soggetti, gli scienziati hanno analizzato i punteggi ottenuti in tre specifiche frasi identificative: «Alcune persone vagano senza meta, io non sono uno di loro»; «Vivo un giorno per volta e non penso veramente al futuro»; «A volte sento di avere fatto tutto ciò che si poteva fare nella vita».

L'importanza di definire i propri obiettivi durante la giovinezza

Dopo avere lasciato i questionari nel cassetto per 14 anni, i due ricercatori hanno ripreso in mano i moduli e ricontattato i soggetti per scoprire che il 9% di loro era morto. Coloro che sono ancora vivi sono proprio quelli che avevano ottenuto un più elevato punteggio di risolutezza, dato che si è rivelato valido in tutti i gruppi di età analizzati, non solo i più anziani.
Da qui l’importanza data al definire i propri obiettivi esistenziali il prima possibile durante la giovinezza, di modo da beneficiarne.

UNO SCOPO PER ANDARE AVANTI. Basterebbe quindi la spinta a trovare qualcosa di più, di meglio, di semplice o di irraggiungibile – la discrezione è personale - a spingerci ad andare avanti: è davvero tutta una questione di ricerca della felicità?
L’avere obiettivi precisi e determinati è collegato da tempo alle prospettive di longevità, eppure lo studio americano ha per la prima volta slegato la risolutezza da altri fattori psicologici e sociali noti per fare vivere più a lungo, come la salute, il benessere, la posizione in società, l’appagamento amoroso.

FATTORE A SÉ STANTE. Ciò che ha scoperto il dottor Hill è che a qualsiasi età l’avere uno scopo aumenta le prospettive di longevità in quanto fattore a sé stante, nonostante non sia ancora chiaro attraverso quali meccanismi specifici.
Ne prendano atto nuove e meno nuove generazioni: quelle persone a cui obbligati cambi di carriera hanno rubato gli obiettivi, o quelle che si sono perse, alle prese con infiniti anni di università e con l’indolenza trasmessa da una società allergica al nuovo. Ecco una ragione in più per trovare uno scopo, e tenerselo bello stretto.
Giovedì, 15 Maggio 2014

SALUTE E DINTORNI - Articolo di Sara Pinotti sul sito Lettera 43 del 15 maggio 2014


giovedì 29 maggio 2014

Il libro di Carvelli in una recensione del Crotonese

Iginio Carvelli - La spina di rovo

Articolo di Paola Minervino su Il Crotonese di martedì 27 maggio 2014

Scandale - Consegna dei lavori per il Centro intercomunale

La zona di Scandale interessata ai lavori in una foto di Cesare Grisi

Centro intercomunale Scandale, pronta la consegna dei lavori
La struttura sarà realizzata nell’ex campo da tennis, mercoledì la firma in Comune

SCANDALE martedì 27 maggio 2014
Dopo mesi di intenso lavoro sul progetto, tra ostacoli burocratici e difficoltà generali, domani 28 maggio presso il Comune di Scandale, la ditta che dovrà realizzare il Centro Intercomunale firmerà il contratto con l’ente e dopo pochi giorni avvierà i lavori per la realizzazione di un Centro di aggregazione polifunzionale e un’area attrezzata per lo sport ed il tempo libero a servizio di tutti degli abitanti del paese e non solo. La struttura sarà realizzata nell’ex campo da tennis, nel centro del paese, fra i quattro plessi scolastici e farà da raccordo collegamento ed integrazione con i singoli interventi previsti per i PISL – qualità della vita POR Calabria FERS 2007 – 2013.

L’appalto comprende le seguenti opere particolari: realizzazione opere strutturali in fondazione ed in elevazione; realizzazione copertura in travi lamellari; realizzazione opere di finitura (pavimentazione, intonaco civile interno ed esterno, infissi, tamponatura e tramessi, tinteggiatura); realizzazione impianti (idrico-sanitario e elettrico); sistemazione esterna. Sarà salvato il verde esistente, tranne le palme affette dal punteruolo rosso. “In un periodo di ristrettezze economiche e di così tante difficoltà – afferma il primo cittadino Iginio Pingitore – non abbiamo disatteso le aspettative generali, anzi il fare (parola che piace molto ai vertici generali del governo italiano) è stata la nostra bandiera”.


Articolo de Il Cirotano

mercoledì 28 maggio 2014

Venerdì 30 maggio, 8° incontro del Caffè filosofico a Isola Capo Rizzuto

Santuario della Madonna Greca, dove si trova il Centro culturale “A. Rosmini” di Isola Capo Rizzuto (KR)

“Auschwitz: la fine del senso”
La lezione si terrà venerdì 30 maggio alle ore 17 presso il Centro culturale “A. Rosmini” di Isola Capo Rizzuto (Crotone), e sarà svolta dalla prof.ssa Paola Helzel, professore associato di Filosofia del diritto presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche, Unical.


Locandina del Caffè filosofico

martedì 27 maggio 2014

Scandalesi con giocattolo

 Foto pubblicata su Facebook da Antonio Aprigliano

Elezioni 2014 - Risultati della Provincia di Crotone

CROTONE lunedì 26 maggio 2014

Europee 2014, risultati provincia di Crotone: i voti Comune per Comune
PD al 38,60%, M5S al 22,76%, FI al 18,17% e NCD al 10,47%. All’interno i risultati completi
  


CROTONE domenica 25 maggio 2014

Europee 2014 nella provincia di Crotone, seggi chiusi: affluenza al 41,48%
A San Mauro Marchesato superata quota 85%, il dato più basso Cirò: non raggiunge il 25%

dati Ministero Interno
 Affluenza Europee

H12:00
H19:00
H23:00
prec.
Comuni
%
%
%
%
BELVEDERE S.
22,33
62,7
 72,70
 75,20
CACCURI
19,27
57,4
72,14
76,69
CARFIZZI
25,75
70,3
 78,51
 82,02
CASABONA
28,48
67,1
78,71
 74,54
CASTELSILANO
27,48
59,5
66,24
 68,18
CERENZIA
8,08
32,5
49,59
 77,49
CIRO
3,88
17,3
24,81
 63,54
CIRO’ MARINA
5,55
20,9
30,69
 63,54
COTRONEI
7,3
27,9
40,96
 70,12
CROTONE
8,37
24,5
36,19
 63,88
CRUCOLI
26,71
61,6
69,02 
 73,36
CUTRO
7,82
25,9
37,91
 68,52
ISOLA C.R.
4,88
17,9
28,77
 68,99
MELISSA
22,87
61,3
74,80
 77,38
MESORACA
11,28
36,9
49,35
 59,27
PALLAGORIO
8,41
35,6
53,15
 70,87
PETILIA P.
6,4
24,6
36,92
 77,13
ROCCABERNARDA
7,01
27
41,19
 78,49
ROCCA DI NETO
6,87
24,2
35,81
 72,15
SAN MAURO M.
30,3
71,6
85,10
 79,85
SAN NICOLA D.
20,82
59,4
70,33
 71,23
SANTA SEVERINA
7,26
25,4
38,91
 76,36
SAVELLI
5,01
22,9
36,52
 50,88
SCANDALE
9,33
32,3
43,52
 75,83
STRONGOLI
6,63
26
37,32
 67,39
UMBRIATICO
30,23
68,8
79,30
 81,38
VERZINO
20,49
55,7
67,42
 80,69



Dati pubblicati da Il Cirotano - I risultati di Scandale sono stati pubblicati anche dal sito UNLA 

Scandalesi a Praga

Foto pubblicata in passato da Area Locale

lunedì 26 maggio 2014

Madonna di Capo Colonna

Festa della Madonna di Capo Colonna a Crotone in 3 foto di Video Calabria

Foto di Domenico Stallone

domenica 25 maggio 2014

Medaglia d’oro a Tokyo all’Azienda agricola Girimonti di Scandale

Scorcio di Tokyo in una foto presa dal Web

Olio Leonia dei Fratelli Girimonti medaglia Oro di Tokyo

I Fratelli Girimonti
I fratelli Girimonti conquistano il Giappone. Dal primo premio di Cotronei, in Calabria, alla medaglia d’oro di Tokyo, in Giappone, ai premi a Gerusalemme ed in Argentina. L’olio dell’azienda agricola Girimonti conquista delle importanti Gold Medal che costituiscono il migliore riconoscimento, sia in campo nazionale che in quello internazionale, per la sua produzione d’eccellenza.
Si chiama Leonia l’olio extravergine d’oliva, dei Fratelli Girimonti di Scandale, premiato con la medaglia d’oro nella terza edizione del concorso “Olive Japan” tenutosi a Tokyo.
Il premio, organizzato dall’Olive Sommelier Association of Japan ha visto la partecipazione di numerose aziende in campo internazionale che hanno presentato 400 oli provenienti da 22 nazioni di tutto il mondo, tra cui quello dei fratelli Girimonti. In particolare, l’olio d’oliva Leonia è stato selezionato anche tra i migliori oli extravergine d’Italia essendo stato inserito nella guida agli extravergini del 2014 pubblicata da Slow Food e redatta con informazioni di 130 esperti assaggiatori per riconoscere la migliore produzione di olio basata soprattutto sui criteri di valorizzazione delle coltivazioni autoctone e di sostenibilità delle pratiche agronomiche.
Oltre al prestigioso premio Giapponese, l’olio Leonia ha ricevuto riconoscimenti come il premio Verga 2014, a Cotronei, primo classificato, il premio Terra Olivo a Gerusalemme ed il premio Olivinus in Argentina nel 2013. L’azienda agricola dei Fratelli Girimonti produce, da tantissimi anni, olio extra vergine d’oliva proveniente da oliveti giovani ma anche secolari disseminati nel territorio di Scandale. Le loro produzioni provengono dai circa 32 ettari olivetati e dal consistente patrimonio olivicolo che conta oltre 4000 piante, distribuite sulle colline del territorio della valle del Neto, affacciati sul mar Ionio, con alle spalle le montagne della Sila, nelle località Destro Ferrato, Faraone, Filittò, Vota Corazzo, Santa Marina e Santa Domenica Soprana, in un clima ideale per la coltivazione dell’ulivo e della vite. Mantenendo salda la tradizione, i fratelli Girimonti curano personalmente con passione e dedizione le fasi di raccolta e di trasformazione del prodotto allo scopo di ottenere un prodotto autentico e genuino.
Tra le particolarità dell’azienda troviamo la produzione di un olio pregiato ricavato da olive raccolte nel periodo in cui i preziosi frutti si colorano di un delicato colore verde oro. L’olio che si ottiene, con un processo di spremitura a freddo, poi decantato naturalmente, assume un sapore fruttato, profumato con sentori di mele, pesche e note di mandorla e carciofo. La cura di ogni fase della lavorazione, affermano i fratelli Girimonti, rendono unico questo prodotto e tutti gli olii prodotti dall’azienda.
Questi risultati, ribadisce Antonio Girimonti, si ottengono grazie anche alla tecnologia avanzata offerta dallo stabilimento oleario di Roccabernarda dell’Associazione Olivicola Crotonese.

Articolo di Carmelo Colosimo su Area Locale del 19 maggio 2014



venerdì 23 maggio 2014

Oggi ricordiamo Giovanni Falcone

Francobollo commemorativo del 2012 nei 20 anni della DIA

“La mafia, lo ripeto ancora una volta, non è un cancro proliferato per caso su un tessuto sano. Vive in perfetta simbiosi con la miriade di protettori, complici, informatori, debitori di ogni tipo, grandi e piccoli maestri cantori, gente intimidita o ricattata che appartiene a tutti gli strati della società. Questo è il terreno di coltura di Cosa Nostra con tutto quello che comporta di implicazioni dirette o indirette, consapevoli o no, volontarie o obbligate, che spesso godono del consenso della popolazione”

GIOVANNI FALCONE
Giovanni Salvatore Augusto Falcone
Palermo, 18 maggio 1939 – Capaci, 23 maggio 1992
Magistrato italiano

Colonna eretta in prossimità del luogo dell'attentato all’uscita dell'autostrada Palermo-Capaci



mercoledì 21 maggio 2014

Elezioni amministrative a San Mauro Marchesato il 25 maggio

Scorcio di San Mauro durante la festa del Soccorso 2012 (foto San Mauro online)

SAN MAURO MARCHESATO
Le Elezioni Comunali 2014 a San Mauro Marchesato si terranno domenica 25 maggio. Di seguito le liste dei candidati per il rinnovo del sindaco e del consiglio comunale. Tre i candidati a sindaco: Carmine Barbuto, Levino Rajani e Domenica De Miglio.

Lista
SIAMO SAN MAURO
Candidato sindaco Domenica De Miglio
Borda Gilda
Corigliano Salvatore
Corrado Annamaria
Fera Giuseppe
Iovane Salvatore
Iuliano Carmine
Palmieri Salvatore detto Rino
Pinos Annamaria
Rocca Salvatore

Lista
PER E CON VOI
Candidato sindaco Levino Rajani
Abiuso Maria
Angotti Borda Mimmo
Borda Aurelio
Borda Vincenzo
Cirillo Giovanni detto Gianpaolo
Corigliano Francesco
Mauro Adalgisa
Rocca Annalisa detta Elisa
Squillace Tommaso

Lista
METTIAMOCI IL CUORE
Candidato sindaco Carmine Barbuto
De Lorenzo Americo
Ceraldi Antonio
Poerio Raffaele
Cosco Antonio
Carvelli Pantaleone
Ioele Adele
Arcuri Graziella
Corabi Mariangela
Palmieri Giuseppina Maria


Locandina pubblicata da "il Crotonese"

martedì 20 maggio 2014

I Centauri di Leonia

Questa  locandina si trova su Facebook


Scandale - Motoraduno 2012 in alcune foto By Ros



lunedì 19 maggio 2014

La Calabria di una volta

Foto di Mario De Biase
Due foto pubblicate da Video Calabria

domenica 18 maggio 2014

Leonia: una antica cittadina tra Scandale e Crotone



L'entrata della masseria dove sorgeva Leonia poi San Leone nel territorio di Scandale


“Tra queste campagne del fiume Esaro, e di Santa Severina, appaiono le antiche mura di una città distrutta chiamata Leonia”



Girolamo Marafioti, Croniche et antichità di Calabria, Padova 1601, pag. 206


In questa contrada, oggi chiamata Galloppà, sorgeva Leonia. Nell'Ottocento il barone Drammis di Scandale, sulle rovine vi costruì questo palazzo adoperando materiale preso sul posto.

venerdì 16 maggio 2014

Paesi del Marchesato alla fine del Cinquecento in una cronaca di Girolamo Marafioti

L’antica porta di ingresso a Santa Severina

[...] Doppo il quale entrando nella terra occorre una habitatione chiamata Cutro popolosa, e nobile, molto abbondante ne’ pascoli, e frumenti. Quindi partendoci per alquanta distanza incontramo il fiume Neto, del quale abbiamo fatto ricordi di sovra, ma perché la natura de’ fiumi è che vadano serpendo per diversi luoghi; [...]
Vediamo ne’ suoi convicini luoghi alcune habitationi, come appare, che tra Cutro, e il fiume Neto occorre un castello dal nome del fiume chiamato Neto: dove si veggono le rocche, dalle quali oggidì si cava il sale bianchissimo, nel quale nei condimenti altro non s’usa in questi paesi convicini, e nel suo territorio sono questi Casali, S. Mauro, S. Giovanni, Scavalio. [San Mauro Marchesato, San Giovanni Minagò, Scandale che sugli antichi documenti angioini si legge Scandalio per colpa dei copisti francesi che lo scrivevano male o lo mettevano vicino a San Leone scrivendo tutto attaccato Scandalione, cioè Scandale e San Leone, che come feudi venivano spesso venduti insieme - Nota mia]
Dentro il paese mediterraneo per alquanto distanza dal fiume Neto, lontano dal mare per il spazio di tredici ò quattordici miglia in circa, occorre una città antichissima per nome Siberina, ma hoggi volgarmente chiamata S. Severina, la quale (dice Stefano Bizantio) essere stata edificata dagl’Enotrij: Sta in luogo alto, sovra un sasso, circondata intorno da profondi precipitij, per lo ch’è stata quasi fortezza inespugnabile. È sede Arcivescovale nobilissima, e nella Chiesa catedrale si riserba con grandissima riverenza il braccio di S. Anastasia...


Girolamo Marafioti, Croniche et antichità di Calabria, Padova 1601, pag. 212.